Alessandra Mastronardi sexy in Prada

Alessandra Mastronardi, madrina della 76esima edizione della “Mostra del cinema di Venezia” è stata una delle dive più acclamate del festival. Nel suo incedere sofisticato, sul red carpet della laguna, ha dispensato lezioni di stile. Oltre agli abiti rigorosi firmati da Giorgio Armani e Gucci, indossati nei primi giorni del festival, è con la passerella finale che ha lasciato un segno indelebile in questa edizione del festival. L’ex enfant prodige del cinema italiano, per l’uscita finale sul red carpet, ha sfoggiato un abito particolarmente sexy firmato da Prada. L’abito che…

Continua a leggere

Dopo gli Hipster la moda scopre gli Yuccie

collezione_Giorgio_Armani

[caption id="attachment_3353" align="alignleft" width="193"]collezione_Giorgio_Armanicollezione_Giorgio_Armani[/caption]{jcomments on}Al motto: “Creativi si, coglioni no!”, si fa strada la nuova tendenza della moda maschile. O meglio, più che di una tendenza, possiamo definirla un modo di essere, un senso di appartenenza. Stiamo parlando degli “Yuccie”. Acronimo che significa: “Young Urban Creatives” (giovani creativi metropolitani). L’identikit dello “Yuccie” è uscito fuori da un articolo pubblicato, qualche tempo fa, dal giornalista americano David Infante sul sito Mashable.com. Articolo diventato subito virale, in poco tempo è stato condiviso dai principali social network e dai più importanti quotidiani online. Si parla di oltre 200.000 condivisioni! Qualcuno, ancora oggi, ha difficoltà a distinguerli dagli “Hipster” ma loro ci tengono a mantenere le distanze. Mentre gli hipster si riconoscono per la barba incolta, gli Yuccie portano i baffi. Gli Yuccie, a differenza degli hipster, non portano pantaloni arrotolati e stampati ma semplici e tradizionali. Sostituiscono la borsa o lo zaino con uno smartphone dalle grandi dimensioni. Sono ipertecnologici, sono sempre connessi e frequentano i locali wi-fi free. Tutta la loro vita ruota attorno alla rete; tutto viene condiviso sui social network: Facebook, Twitter e Instagram.

Continua a leggere

sul red carpet dei Nastri D’Argento il più gettonato è Valentino

alba rohrwacher e riccardo scamarcio bis
[caption id="attachment_3253" align="alignleft" width="204"]alba rohrwacher e riccardo scamarcio bisRiccardo Scamarcio in Prada e Alba Rohrwacher ai Nastri d’argento 2011[/caption]{jcomments on}A Taormina, in occasione della cerimonia di premiazione dei 65mi “Nastri D’argento” non sono mancati momenti di mondanità. Ovviamente il red carpet, com’era già successo per il “Taormina Film Fest 2011”, ha vissuto il momento più alto nell’esclusivo privè del “Lancia Cafè”, creato per l’occasione sul terrazzo dell’hotel Timeo di Taormina. Gli attori, tra un drink e l’altro, si sono concessi ai fotografi mostrando orgogliosamente le loro mise. Una cosa ai più è apparsa evidente: gli uomini rispetto a qualche anno fa si sono mostrati con maggiore vanità davanti ai flash dei fotografi. Guai a mostrarsi con un capello fuori posto, guai a mostrare il fazzolettino dal taschino messo male. Ne sa qualcosa Alessandro Preziosi

Continua a leggere

La moda dell’estate 2011 è coloratissima

collezione Moschino primavera-estate 2011
[caption id="attachment_3231" align="alignleft" width="190"]collezione Moschino primavera-estate 2011collezione Moschino primavera-estate 2011[/caption]{jcomments on}L’estate 2011 è caratterizzata dall’uso spasmodico dei colori. Colori molti accesi, talvolta acidi, talvolta a tinte fluo. Sembra quasi che gli stilisti nel disegnare le loro collezioni per la primavera-estate 2011 abbiano preso spunto dalle ali delle farfalle, quelle più variopinte. La primavera-estate 2011 è caratterizzata dall’uso esagerato dei colori, quasi a sfiorare i confini del kitsch. Ma del resto cos’è kitsch e cosa non lo è? Diana Vreeland, direttore storico di “Vogue America” e grande esperta di stile diceva: “C’è sempre un pizzico di volgarità nello stile…”. Quindi anche un capo di abbigliamento, che, ai più, può sembrare volgare, è una espressione di stile.

Continua a leggere