Melania Trump veste Dolce & Gabbana ed è polemica

melania_trump_in_dolce_&_gabbana

[caption id="attachment_3377" align="alignleft" width="239"]melania_trump_in_dolce_&_gabbanamelania_trump_in_dolce_&_gabbana[/caption]{jcomments on}L’abito di Melania Trump sfoggiato, in occasione dei festeggiamenti di Capodanno, a Palm Beach in Florida: un tubino nero di Dolce & Gabbana con due piccoli fiocchi sulle spalle, della collezione Cruise acquistato per 1.950 dollari, sta tenendo banco da qualche giorno su tutti i principali giornali del mondo. Sull’argomento si sono espressi anche autorevoli sociologi. Mai nessun outfit sfoggiato dalle precedenti First Lady americane aveva avuto una così grande cassa di risonanza. E’ ormai chiaro a tutti che qualsiasi cosa faccia o dica la nuova First Lady americana diventi subito un argomento polemico. Ma si può polemizzare su la scelta di un abito? A maggior ragione se l’abito in questione è stato regolarmente acquistato? Queste stesse domande se le sarà fatte Stefano Gabbana, dopo tutte le polemiche suscitate dal suo post, di ringraziamento su Instagram, con cui apprezzava la scelta di Melania Trump.

Continua a leggere

La moda dell’estate 2011 è coloratissima

collezione Moschino primavera-estate 2011
[caption id="attachment_3231" align="alignleft" width="190"]collezione Moschino primavera-estate 2011collezione Moschino primavera-estate 2011[/caption]{jcomments on}L’estate 2011 è caratterizzata dall’uso spasmodico dei colori. Colori molti accesi, talvolta acidi, talvolta a tinte fluo. Sembra quasi che gli stilisti nel disegnare le loro collezioni per la primavera-estate 2011 abbiano preso spunto dalle ali delle farfalle, quelle più variopinte. La primavera-estate 2011 è caratterizzata dall’uso esagerato dei colori, quasi a sfiorare i confini del kitsch. Ma del resto cos’è kitsch e cosa non lo è? Diana Vreeland, direttore storico di “Vogue America” e grande esperta di stile diceva: “C’è sempre un pizzico di volgarità nello stile…”. Quindi anche un capo di abbigliamento, che, ai più, può sembrare volgare, è una espressione di stile.

Continua a leggere

Marc Jacobs PE 2011

Emilia Nawarecka sulla passerella di Marc Jacobs
[caption id="attachment_3186" align="alignleft" width="180"]Emilia Nawarecka sulla passerella di Marc JacobsEmilia Nawarecka sulla passerella di Marc Jacobs[/caption]{jcomments on}Nella collezione primavera-estate 2011 di Marc Jacobs, presentata a New York, ci sono tanti riferimenti agli anni ’50 e ’60. Ma c’è anche una sana nostalgia per gli anni Settanta. Gli anni Settanta dello “Studio 54”, gli anni Settanta delle prime feste mondane quando cominciava a prendere il sopravvento l’edonismo e il gusto per il bello. Marc dice di aver trovato l’ispirazione a Cannes, partecipando alla festa di compleanno di Naomi Campbell. In quella occasione lo stilista dice di aver notato che quasi tutte le modelle indossavano abiti lunghi.

Continua a leggere

Il New Gothic Ispira La Moda

givenchy_m
givenchy_m{jcomments on}Non ci stancheremo mai di dirlo: tra il cinema e la moda il legame è forte, quasi indissolubile. Gli stilisti respirano cinema e ne traggono ispirazione per le loro collezioni. Non è un caso, infatti, il forte interesse della moda per il remake di “Alice nel paese delle meraviglie” di Tim Burton, che sta spopolando al cinema. Le atmosfere gotiche del film, che riflettono lo stile tipico di Tim Burton, hanno ispirato molte collezioni.

Continua a leggere