LA PROVOCAZIONE DI FARHAD

Nella foto lo stilista Farhad
Ore 21.30 di un lunedì di gennaio anonimo per molti, sconvolgente per gli avventori del cinema multisala Warner village di Roma, dove si proietta un film particolare. E’ una singolare storia d’amore raccontata dallo stilista Persiano Farhad, autore di un “mini film”, come ama definirlo, dove si racconta di una storia d’amore tormentata e fin qui tutto normale, se non fosse per il fatto che i protagonisti dell’idillio sono un ragazzo e un prete, quindi, una storia gay. Il che ha suscitato reazioni contrastanti tra i presenti in sala, qualcuno ha persino abbandonato il cinema. Tormento è il titolo di questa provocatoria pellicola, video clip della canzone omonima del cantante Maxximo, mai trasmesso per via dei contenuti giudicati troppo forti dalla casa discografica. Lo stilista ha voluto approfittare del palcosc e nico che offre la settimana dell’alta moda romana per mostrare al pubblico questa pellicola che polemizza sui tabù che ancora oggi circondano le storie d’amore gay. “Quale rapporto è oggi più tormentato di quello gay, vissuto nel buio?” e la domanda che si pone lo stilista, ” questa mia iniziativa vuole essere provocatoria nei confronti di certi ambienti che tutt’oggi non riconoscono le coppie gay”. prosegue il couturier persiano “la mia tuttavia non vuole essere una presa di posizione polemica contro la chiesa cattolica, nè tantomeno un messaggio anti-religioso e vorrei che non fosse frainteso il vero significato del film, anzi, ho fatto tutto questo ben sapendo che il credere in un “Dio” non può essere negato a nessuno, a prescindere dalla razza, colore della pelle o scelte sessuali, libere scelte che non violino l’integrità altrui; sono certo che solo una forza superiore all’uomo, potrà giudicare e decidere su chi ha torto o ragione” “. Ad assistere all’evento tanti personaggi del Jet set come: Eva Grimaldi, Eleonora Daniele del “Grande Fratello” e Dario Ballantini nei panni di Valentino di “Striscia la notizia”.

Please follow and like us:
error

Articoli corelati

Leave a Comment